Pagina 2 di 2

Re: il mio ultimo acquerello

MessaggioInviato: 17 mag 2013, 08:08
da Nitka
Stupendo :shock:
Sinceramente, non sembra l'acquerello.
mi spieghi , per favore, come si realizza

sotto metto anche la mia firma :)

Re: il mio ultimo acquerello

MessaggioInviato: 17 mag 2013, 08:39
da carla
grazie a tutti
non mi piace lavorare sulla carta liscia
l'ho usata per alcuni lavori di fiori più la arche che la fabriano ma i risultati non mi soddisfano
per l'esecuzione ho usato quinacridone gold - burnt sienna -blue blockx - violetto di dioxazine -burnt umber - aureolina per i massimi chiari
mascheratura del decoro il bordo sinistro del pomolo dei bordi del coperchio e del lato sinistro del bricco e alcuni punti del manico
velatura sul tutto il foglio ad eccezione di tazza e biscotti con quinacridone gold
ho dipinto tutto il bricco con varie mescolanze di quinacridone gold siena bruciata e viola lasciando bianchi i riflessi della tazza
quando ho finito il bricco sono passata alla tazza e ai biscotti sempre con gli stessi colori
ho aggiunto le venature del tavolo
poi due velature di burnt umber sullo sfondo scontornando il bricco
tre velature di blue andando anche sul bricco
quando tutto asciutto tolto la mascheratura ammorbiditi i contorni con l'aureolina aggiustati i colori tirato un po fuori il manico passato un leggerissimo strato di viola sul decoro nella
parte in ombra siena e gold nella parte luminosa

Re: il mio ultimo acquerello

MessaggioInviato: 17 mag 2013, 08:41
da carla
spero di essere stata chiara
ancora grazie
saluti
carla

Re: il mio ultimo acquerello

MessaggioInviato: 17 mag 2013, 21:22
da zgiuseppe
meraviglioso complimenti ciao Giuseppe

Re: il mio ultimo acquerello

MessaggioInviato: 20 mag 2013, 08:19
da antau
Di sicuro di gran effetto e con una luce piacevole però un po' mi lascia interdetto perchè non sembra un acquerello.
Sarà per le tonalità e i colori poco trasparenti, forse anche per il tipo di soggetto, ma mi ricorda molto una classica natura morta ad olio.
Con questo non voglio dire certo che è brutto... anzi, lo trovo molto bello... però non ci vedo quelle caratteristiche dell'acquerello che in genere mi attirano in questa tecnica, cioè le tinte molto trasparenti, le velature sovrapposte, la resa stessa dei colori. Però immagino sia anche una questione di gusti personali... nella tecnica dell'acquerello più antica c'era effettivamente questo tipo di approccio molto diverso da come si intende oggi l'acquerello.
Molto brava comunque. ;)

Re: il mio ultimo acquerello

MessaggioInviato: 20 mag 2013, 08:30
da tracolcino
Molto bello, tecnica invidiabile.

Re: il mio ultimo acquerello

MessaggioInviato: 22 mag 2013, 14:34
da EnricoF
Non praticando la pittura ad acquarello non capito mai in questo settore... Meno male che ci sono capitato! :P Ma che bello! Ottimo lavoro e spiegazione accurata.
Guardando questo lavoro, mi verrebbe voglia di provare, ma ho degli acquerelli non molto buoni (sono quelli comprati con le dispense della De Agostini "Il piacere di Dipingere"), ma non credo che sia questo il motivo del non voler provare, forse ho solo paura di perdere del tempo senza ottenere risultati decenti... Ma vedremo. :) Intanto ti regalo un Thanks! ;)

Re: il mio ultimo acquerello

MessaggioInviato: 22 mag 2013, 17:37
da tracolcino
È vero Enrico, verrebbe voglia di buttare via i colori ad olio e usare solo gli acquarelli.
Comunque Enrico, penso che bisognerebbe saper usare qualunque tecnica come matite colorate, pastelli secchi, pastelli ad olio ecc. perché ogni tecnica insegna qualcosa di diverso e, alla fine, ne risultiamo più arricchiti. Mi capita spesso, prima di fare un quadro ad olio, di provare la composizione e lo studio del colore con i pastelli secchi, poi, se riesco ad essere soddisfatto, faccio il quadro ad olio altrimenti butto tutto via.

Re: il mio ultimo acquerello

MessaggioInviato: 13 giu 2013, 19:52
da Davide
bravissima, mi emoziona molto.

Re: il mio ultimo acquerello

MessaggioInviato: 18 giu 2013, 15:59
da carla
ho visto solo ora gli ultimi post
vi ringrazio molto per i vostri commenti
un saluto a tutti
carla