Pagina 3 di 5

Re: il bianco nell'acquerello

MessaggioInviato: 10 feb 2015, 03:02
da epompei
Ah, dimenticavo: la carta di Amalfi, della Amatruda, che ho usato per gli ultimi due acquerelli, sopporta malissimo le "strusciate" sulla carta bagnata per rimuovere colore, mentre la carta della "Torchon" riesce a prendere due o tre "strusciate" senza fare una piega.

Re: il bianco nell'acquerello

MessaggioInviato: 10 feb 2015, 11:13
da mascia
Per fare le stelle ( interessano anche a me ) stavo pensando al sale, che da' effetti interessanti... :) bisogna fare esperimenti, finora ho provato solo col sale grosso per fare uno sfondo

Re: il bianco nell'acquerello

MessaggioInviato: 10 feb 2015, 16:16
da Zephyrine
Per fare le stelle, di modi ce ne sono a decine, anche col sale, ma non eccessivamente sennò otterrai solo l'effetto tappeto di muschio. Puoi anche spruzzare delle goccioline di fluido mascherante e poi intervenire anche con qualche granello di sale oppure puoi spruzzare della tempera bianca o acrlico a lavoro finito. Ma puoi anche decidere tu un altro modo! ;)

Re: il bianco nell'acquerello

MessaggioInviato: 10 feb 2015, 18:15
da mascia
Zephyrine che ne pensi di picchiettare con un pastello a olio bianco e passare attentamente il colore sopra, senza strofinare troppo? L'olio del pastello respinge l'acqua, ci ho provato e vengono delle stelle irregolari ma sempre meglio che col sale... (è vero, a guardare bene il sale assorbe sì l'acqua colorata ma si formano come delle piccole ramificazioni tipo muschio attorno alla macchia bianca.. :D )

Re: il bianco nell'acquerello

MessaggioInviato: 10 feb 2015, 19:10
da Zephyrine
Per preservare il bianco nell'acquerello, oltre al solito fluido, si possono usare anche i pastelli a cera o una banalissima candela, il pastello ad olio è un po' più grasso e appiccicoso, ma la funzione è sempre quella, provaci e perfeziona la tecnica. :D

Re: il bianco nell'acquerello

MessaggioInviato: 10 feb 2015, 19:37
da Zephyrine
E volendo potresti anche usare i chicchi di riso al posto del sale che magari si posizionano meglio a mano così da poter controllare meglio l'effetto di macchia oppure mettere delle goccioline d'acqua a pittura quasi asciutta e ti creeranno dei cerchi più chiari in cui inserire in mezzo il bianco della stella... prova, prova e riprova... :mrgreen:

Re: il bianco nell'acquerello

MessaggioInviato: 11 feb 2015, 15:34
da mascia
Zephyrine ha scritto:prova, prova e riprova... :mrgreen:

Eh già trattandosi di stelle... :mrgreen:
Il riso, il sale, la cera, il mascherante vanno rimossi una volta asciugata la pittura mentre il pastello a olio io lo lascerei lì...poi non so quanto è stabile tutto l'insieme...chissà provando con degli schizzetti di colore a olio trasparente al posto del pastello a olio? Comunque mi pare che con gli schizzi, da spazzolino o da pennello, le stelle finiscono dappertutto tranne che dove dovrebbero essere.. ;)

Re: il bianco nell'acquerello

MessaggioInviato: 11 feb 2015, 17:04
da Zephyrine
Eviterei di usare il colore ad olio su superfici non preparate in modo adeguato oltre la fatto che dovresti assicurarti più che bene che l'olio sia perfettamente asciutto. Non è così complicato spruzzare dove si vuole, basta fare delle prove anche se poi la procedura dipende sempre dal tipo di effetto che tu vuoi ottenere... servono prove anche per quello... :roll:

Re: il bianco nell'acquerello

MessaggioInviato: 12 feb 2015, 01:41
da epompei
Per qualche stella, va tutto bene (a parte i chicchi di riso, che genererebbero stelle dalla forma…un po' peculiare), ma…dovendo fare un'intera Via Lattea, onestamente mi rifiuto di farle tutte a mano.
Prima di usare la tecnica dello spazzolino da denti e bianco di titanio spruzzato sopra a colore asciutto, avevo provato, su foglio a parte, di schizzare l'acqua col pennello in modo da creare un effetto di rimozione di colore sul blu quasi asciutto. L'effetto e' un pastrocchio, senza contare che:
- ripassare centinaia di stelle a mano e' una faticata, oltre che e' un effetto un po' artificiale;
- in un sito oscuro, lontano dalle luci cittadine, le stelle non hanno un alone effetto uovo, sono molto nitide e quindi i puntini devono essere molto piccoli.

Non avevo invece pensato al sale…ma non c'e' il solito effetto di "sbrodolata"?

Re: il bianco nell'acquerello

MessaggioInviato: 12 feb 2015, 08:39
da mascia
Allora Zephyrine nemmeno ci provo con i colori a olio, se si tratta di aspettare!!! :)
..epompei un'intera Galassia di stelle puntiformi, seppure vista di taglio e con tanto di nubi oscure...è decisamente chiedere troppo!!! :D
Le mie prove di fretta con sale e pastelli a olio hanno dato risultati un po' pastrocchiati, che allego sotto, bisogna dosare meglio l'acqua e il sale...non so se l'effetto ramificazione che si ottiene col sale si ha solo sulla carta ruvida con una texture evidente, forse su quella satinata si ottiene una macchiolina più simmetrica?
La zona problematica da riprodurre e dove pensavo si potesse intervenire col sale, (devo provarci prima o poi) è quella di confine tra addensamenti luminosi e nebulose oscure o fondo del cielo...lì i confini non sono netti e ci sono stelle isolate che traspaiono o si stagliano sul nero, fino a fondersi e formare un continuo nelle zone luminose..