Pagina 1 di 2

Composizione giallo Napoli

MessaggioInviato: 02 gen 2014, 09:17
da Amalia.LaRosa
Salve a tutti, l'altro giorno ho comprato dei tubetti della Rembrandt per provare questa marca e nel tubetto di giallo napoli c'è questa dicitura: nickel titan. yellow dp, come pigmenti sono segnalati PW6/PY154/PBr24 . Cercando in rete non trovo correlazione tra il nome (Nichel....) e la composizione dei pigmenti, se c'è o meno il nichel. Qualcuno ne sa di più?

Re: Composizione giallo Napoli

MessaggioInviato: 02 gen 2014, 10:36
da Ferruccio Ghiggi
Amalia.LaRosa ha scritto:Salve a tutti, l'altro giorno ho comprato dei tubetti della Rembrandt per provare questa marca e nel tubetto di giallo napoli c'è questa dicitura: nickel titan. yellow dp, come pigmenti sono segnalati PW6/PY154/PBr24 . Cercando in rete non trovo correlazione tra il nome (Nichel....) e la composizione dei pigmenti, se c'è o meno il nichel. Qualcuno ne sa di più?


Non sono un chimico però solitamente il giallo di Napoli viene fabbricato con una lega di antomonio-nikel-titanio e può
essere imitato con bianco titanio + giallo cadmio chiaro + terra Siena naturale, in quantità sensibilmente decrescente.
ciao

Re: Composizione giallo Napoli

MessaggioInviato: 02 gen 2014, 10:40
da Cuorenero
la Maimeri nella serie artisti e puro ha il giallo nichel titanio numero del tubetto 109 (molto somigliante al giallo napoli sulla cartella) , ho anche visto in tutte le formulazioni dei Van Dick Ferrario il Nickel non ce tra i componenti , il pigmento puro PY53 (con il giallo cromo fa il giallo napoli) http://www.bellearti.net/it/pittura/pigmento/colori/schmincke-100-pigmento-puro/schmincke-100-pigmento-puro-giallo-nickel-titani


pw6 bianco di titanio
Benzimidazolone Yellow 154
prb24 rientra nei bruni, penso che non è un pigmento puro forse ce qui un po di nichel ma non sono sicuro

che numero ha il tubetto ? cmq della REMBRANDT extrafine il giallo di nichel-titanio ha gli stessi pigmenti del giallo napoli e no py53 che è il giallo di nichel , fanno come la maimeri classico che per ottenere alcuni colori non usano direttamente il pigmento puro ma ci arrivano con miscele di altri

Re: Composizione giallo Napoli

MessaggioInviato: 02 gen 2014, 14:48
da sasadangelo
Ciao,
I nomi dei pigmenti ti è già stato fornito.
Considera una cosa spesso vedi due pigmenti diversi tipo Pbr7 (se ricordo bene il numero) che è sia terra di siena naturale che bruciata.
Stessa cosa per terra d'ombra naturale e bruciata.
Giallo ocra e ocra romana.
Il motivo è che la seconda è la versione calcinata (ossia cotta a fuoco lento) del pigmento come spiegammo tempo fa sul blog.
Stessa cosa quando ad un medesimo pigmento viene applicato un processo chimico/naturale che lo porta a un colore diverso.
Per cui puoi avere due colori diversi con lo stesso pigmento.

Dalla dicitura capisci subito che è un giallo ottenuto dalla mistione di 3 pigmenti:

1. Bianco titanio
2. Un giallo
3. Bruno di cui ho trovato questo:
Chrome Antimony Titanium Buff Rutile, is created by calcination of Titanium (IV) Oxide, Chromium (III) Oxide, and Antimony (V) Oxide in varied ratios creating a mixed phase system with a Rutile structure.

Il punto che voglio sottolineare è che l'avere il nome dei pigmenti che lo compongono non è tutto, serve poi sapere la procedura applicata ad essa. Ne migliore dei casi è semplice calcinazione.

Re: Composizione giallo Napoli

MessaggioInviato: 02 gen 2014, 16:31
da Marco Fenocchio
Mi sono interessato abbastanza alla chimica dei colori e posso dire qualcosa sul Giallo di Napoli. In origine questo pigmento era un composto ottenuto cuocendo in fornace dell'Ossido di Piombo con Ossido di Antimonio, risultato è l'Antimoniato di Piombo, Pb3(SbO4)2. Colore giallo chiaro abbastanza vivo, non quel color maionese sbiadito che si trova in certi tubetti. Risale al tempo dei Babilonesi. Ha il difetto di alterarsi se viene manipolato con oggetti di ferro quindi bisogna usare spatole di corno o di plastica. Poi i produttori di colori hanno messo in commercio un' imitazione del G. di N. fatta di un composto di Nichel e Titanio con o senza Antimonio. Però si può ottenere direttamente una tinta simile sulla tavolozza mescolando Giallo di Cadmio, Ocra Gialla e Bianco di Titanio. Non so perché lo chiamano di Napoli, forse perché era usato dai ceramisti come smalto a fuoco? Assomiglia al Giallolino di Piombo-Stagno, quest'ultimo non patisce il contatto col ferro e veniva più comunemente usato forse perché in passato l'Antimonio costava molto più dello Stagno.

Re: Composizione giallo Napoli

MessaggioInviato: 02 gen 2014, 18:12
da Amalia.LaRosa
Ringrazio tutti per le risposte!
Ciò che mi interessava sapere era appunto la terza delle tre componenti. Proverò anche la mistura suggerita da Marco Fenocchio.

@cuorenero: Il numero del tubetto è 280 artists' quality extra-fine.

Re: Composizione giallo Napoli

MessaggioInviato: 03 gen 2014, 00:42
da Cuorenero
il 280 su questo sito http://www.poggi1825.it/prodotti.php?id_canale=5&id_categoria=201&id_prodotto=4424non è un giallo napoli (solo nel nome) ma un giallo nichel-titanio che di nichel non ne ha :D

Re: Composizione giallo Napoli

MessaggioInviato: 05 gen 2014, 12:36
da Amalia.LaRosa
Si se vedi ha la stessa composizione del giallo napoli scuro sempre della rembrandt, ma in effetti nel colore non ci somiglia per niente!

Re: Composizione giallo Napoli

MessaggioInviato: 05 gen 2014, 18:04
da Marco Fenocchio
Ho fotografato due campioni dei gialli, il G. di Nap. autentico e il Giallolino autentico. Tanto per darvi un'idea della tinta che hanno. Potrebbe esserci una lieve differenza dovuta alla fotografia, ho cercato di farle nel modo più fedele possibile. I due sono impastati con olio di noci.

Re: Composizione giallo Napoli

MessaggioInviato: 06 gen 2014, 19:36
da sasadangelo
Ciao,
Piccola cosa che non c'entra nulla con il Giallo Napoli.
Se devi comprare colori Rembrandt, non usare il Bianco di Zinco o i bianchi in genere. Sono pessimi. Cento volte meglio i Maimeri Artisti o W&N.