I Colori Antichi

Questo è il forum dedicato alla Teoria dei Colori, alle tecniche per Mescolare i Colori, alla discussione sui pigmenti pittorici e a tutto ciò che riguarda il colore.

I Colori Antichi

Messaggioda Marco Fenocchio » 30 lug 2011, 21:28

Principali colori usati dai pittori, dal tardo '400 al primo '800 ed i sostituti attuali più simili anche se di altra natura.
- Bianco di Piombo (carbonato bas. di piombo) sostituito dal Bianco di Titanio e Zinco.
- Giallolino (stannato di piombo e silice) e il Giallo Napoli (antimoniato di piombo) sost. dal Giallo Limone medio-chiaro, coprente.
- Ocre Gialle chiare e scure (idrossido di ferro argilloso) sono le stesse.
- Orpimento (solfuro d'arsenico) sost. dal Giallo Cadmio medio, coprente.
- Terra Siena nat. (idrossido di ferro argilloso) è la stessa.
- Arziga e Giallosanto (estratti di reseda luteola e spinocervino) sost. da Lacche Gialle e Giallobrune trasparenti.
- Cinabro (solfuro di mercurio) sost. dal Vermiglione di Cadmio, coprente.
- Terra Rossa chiara (ossido di ferro nat.) sost. dalla Terra Rosa Winsor&Newton, che tinge poco.
- Terra Rossa scura (ossido di ferro) è la stessa.
- Terra Siena bruc. , è la stessa.
- Lacche Rosse chiare, scure, carminio (estratti di robbia tinct., brasile, cocciniglia) sost. dalle omonime sintetiche.
- Morello (ossido di ferro surriscaldato) sost. dal Violetto di Marte.
- Terra Verde (silicato di ferro) è la stessa.
- Verde-rame (acetato di rame) sost. da un Verde azzurrognolo trasparente.
- Resinato di Rame (composto del rame con acido resinico) sost. da Verde trasparente profondo non bluastro ma color spinaci.
- Azzurro di Lapislazzuli (lapislazzuli purificato) sost. dall' Azzurro Oltremare chiaro.
- Azzurrite(carbonato bas. di rame nat. purificato) sost. da un Azzurro un pò tendente al verde-azzurro, semi coprente.
- Blu di Prussia (ferrocianuro ferrico) sost. da omonimo di natura organica.
- Azzurro di Smalto (silicato di cobalto e potassio) sost. da un Azzurro-violetto trasparente.
- Terra d'Ombra nat. (silicato di ferro e manganese) e (bruciata) è la stessa.
- Asfalto (bitume di petrolio fossile) è lo stesso.
- Terra di Cassel (lignite polverosa) è la stessa.
- Nero di Vite (carbone di vite) è sost. da omonimo di diversa natura, meno buono.
- Nero di Campana (residuo di fonderia del bronzo) sost. dal Nero Neutro Mussini-Norma, che tinge poco.
- Nero di scaglia di Ferro (ossido ferroso-ferrico) sost. dal Nero di Marte.
- Nerofumo (residuo di fiamma fumosa) è lo stesso.
Marco Fenocchio
Utente Veterano
Utente Veterano
 
Messaggi: 369
Iscritto il: 10 lug 2011, 18:09
Ha ringraziato: 29 volte
Stato ringraziato: 31 volte
Contributo: n/a
Bonus: 8

Re: I Colori Antichi

Messaggioda katia » 31 lug 2011, 08:45

Copiato nel mio quaderno degli appunti,grazie!
Avatar utente
katia
Utente
Utente
 
Messaggi: 33
Iscritto il: 10 apr 2011, 21:04
Ha ringraziato: 0 volta
Stato ringraziato: 10 volte
Contributo: n/a
Bonus: 0

Re: I Colori Antichi

Messaggioda Marco Fenocchio » 31 lug 2011, 11:15

Prego! Per lavori importanti conviene usare colori di marca, ma non sempre tutti della stessa, p.es. la Terra Rossa in genere macchia e colora troppo, salvo la Terra Rosa W&N oppure l'Ocra di Carne Lefranc. Per fare le tinte delle carnagioni. La stessa cosa per i neri, l'autentico Nero di Vite o anche il Nero di Sughero , col bianco davano dei grigi-azzurri puliti; quelli di adesso molte volte sporcano le tinte e macchiano tutto. Quello che somiglia di più al Nero di Campana (v. Lomazzo), in voga ai tempi di Caravaggio, poi abbandonato nel '700, è il Nero Neutro Mussini. Poi nel '700 veniva usato il Mummia ( bruno trasparente da velature, ottenuto polverizzando pezzi di mummie egizie). Colore assurdo, nato forse dal fatto che gli speziali lo vendevano per uso medico (credevano guarisse le malattie). Molti colori sono durati poco, dalla loro invenzione perchè avevano dei difetti. Il Bianco di Piombo è stato abbandonato per la tossicità, più per l'ambiente e la produzione, che per il pittore attento e ordinato. Ma viene ancora venduto a olio in lattine, scomode,ma essendo l'unico colore che ama l'acqua, si conserva sommerso, non solo, ma migliora all'uso se prima di metterlo sulla tavolozza, gli si incorpora 1 o2 gocce d'acqua mescolandolo sopra un vetro con la spatola.
Marco Fenocchio
Utente Veterano
Utente Veterano
 
Messaggi: 369
Iscritto il: 10 lug 2011, 18:09
Ha ringraziato: 29 volte
Stato ringraziato: 31 volte
Contributo: n/a
Bonus: 8

Re: I Colori Antichi

Messaggioda sasadangelo » 01 ago 2011, 08:58

Ciao,
faccio un pò l'avvocato del diavolo visto che anche io ne avevo parlato qua:
http://www.disegnoepittura.it/pittura/p ... gio-4.html

Sul bianco siamo d'accordo.
Sul giallorino io avevo indicato il giallo cadmio chiaro. Riguardando bene il giallorino è effettivamente più freddo del giallo cadmio chiaro e, quindi, giallo limone andrebbe bene
http://lem.ch.unito.it/didattica/infoch ... orino.html
Giallo Napoli dovresti rivederlo. Eccolo
http://lem.ch.unito.it/didattica/infoch ... apoli.html
Orpimento da me non citato perchè non citato dalla Lappucci.
http://kremer-pigmente.de/shopint/index ... duct=10700
A me però sembra più giallo cadmio chiaro che medio
http://www.puntocolore88.com/bellearti. ... z=b&cat=41
Arziga e Giallosanto (estratti di reseda luteola e spinocervino) sost. da Lacche Gialle e Giallobrune trasparenti.?? (non ho trovato info)
Sul cinabro siamo d'accordo.

Poi dici
Verde-rame (acetato di rame) sost. da un Verde azzurrognolo trasparente.

Verde ftalo e viridian (più il secondo che il primo) soddisfano la tua definizione. Quale preferisci? Io avevo scritto verde ftalo perchè guardando le immagini su Internet mi sembrava tale.

Questo era il mio dilemma Resinato di Rame e bisognerebbe essere più specifici
Verde trasparente profondo non bluastro ma color spinaci

Verde vescica?

Azzurrite(carbonato bas. di rame nat. purificato) sost. da un Azzurro un pò tendente al verde-azzurro, semi coprente

Blu cobalto? Sicuramente ha più verde del blu oltremare ma rientra nei blu a tutti gli effetti. Che dici?

Ad ogni modo qui vedo altri pigmenti non citati
http://lem.ch.unito.it/didattica/infoch ... ialli.html

Inoltre, non sono andato a rivedere Cennini ma ho come l'impressione ne avesse scritto di più.
Continuiamo a discutere, credo alla fine verrà fuori un bell'articoletto. Molto utile per prendere le tavolozze dalle relazioni di restauro e portarle ai giorni nostri.
In questo periodo oltre ai manuali da te suggeriti ho stampato anche le relazioni di restauro del verrocchio per risalire meglio alla tecnica di Leonardo.
Salvatore
http://www.disegnoepittura.it
Amministratore del Forum

Quelli che s’innamorano della pratica senza la scienza,
sono come i nocchieri che entrano in naviglio senza timone o bussola,
che mai hanno certezza dove si vadano. Leonardo da Vinci.
Avatar utente
sasadangelo
Leggenda del Forum
Leggenda del Forum
 
Messaggi: 3155
Iscritto il: 25 mar 2011, 13:39
Località: Fiumicino
Ha ringraziato: 93 volte
Stato ringraziato: 183 volte
Contributo: n/a
Bonus: 329

Re: I Colori Antichi

Messaggioda Marco Fenocchio » 01 ago 2011, 16:56

Riguardo ai colori antichi, le mie affermazoni non si basano ne sui libri ne sulla Kremer. Li possiedo realmente, non solo, ma l'Azzurrite della Kremer è di qualità inferiore alla mia. Sono due i colori che mi mancano: la Lacca Brasile perchè non ho trovato la materia prima e la Mumia perchè mi mancava il "compare" che distraesse il guardiano del Museo Egizio. Il Giallo di stagno-piombo è limone coprente, quello di Napoli di piombo-antimonio è chiaro uguale ma un pochino ranciato coprente. Il vero colore del vecchio blu cobalto lo si vede dai vetri da saldatore che sono silicato di cobalto e potassio, come il colore. Nella prima metà '800 venne sostituito dall'alluminato di cobalto che va meglio.
Marco Fenocchio
Utente Veterano
Utente Veterano
 
Messaggi: 369
Iscritto il: 10 lug 2011, 18:09
Ha ringraziato: 29 volte
Stato ringraziato: 31 volte
Contributo: n/a
Bonus: 8

Re: I Colori Antichi

Messaggioda sasadangelo » 02 ago 2011, 08:48

Ciao,
Infatti il giallo napoli sembrava più ranciato.
Io non ho i pigmenti, guardando le foto l'orpimento sembrava più chiaro e saturo del giallo cadmio medio. Però mi fido del tuo giudizio.

Quindi Azzurrite non può essere paragonato al cobalto? Allora a chi?
Stessa domanda per il resinato di rame. Tu dici "Verde trasparente profondo non bluastro ma color spinaci" però non è che in un articolo posso scrivere "color spinaci" sarebbe meglio il nome di un pigmento attuale. Stessa cosa per verde rame.
Io ho fatto due proposte non so se vanno bene.

Poi fami capire ... ma tu acquistavi i pigmenti in polvere o preparavi anche quelli da te?
Nel secondo caso mi sembra vero lavoro da chimico ... sarebbe interessante capire come. Dove acquistavi le materie prime. Anche se poi mi sfugge il vantaggio.
Salvatore
http://www.disegnoepittura.it
Amministratore del Forum

Quelli che s’innamorano della pratica senza la scienza,
sono come i nocchieri che entrano in naviglio senza timone o bussola,
che mai hanno certezza dove si vadano. Leonardo da Vinci.
Avatar utente
sasadangelo
Leggenda del Forum
Leggenda del Forum
 
Messaggi: 3155
Iscritto il: 25 mar 2011, 13:39
Località: Fiumicino
Ha ringraziato: 93 volte
Stato ringraziato: 183 volte
Contributo: n/a
Bonus: 329

Re: I Colori Antichi

Messaggioda sasadangelo » 05 ago 2011, 08:37

Ciao,
ho cominciato a leggere Manuel des jeunes artistes et amateurs en peinture.
Estenuante la prima parte sui colori.
Ad ogni modo l'orpimento (che però sconsiglia di usare) è associato alla giallo napoli.
Salvatore
http://www.disegnoepittura.it
Amministratore del Forum

Quelli che s’innamorano della pratica senza la scienza,
sono come i nocchieri che entrano in naviglio senza timone o bussola,
che mai hanno certezza dove si vadano. Leonardo da Vinci.
Avatar utente
sasadangelo
Leggenda del Forum
Leggenda del Forum
 
Messaggi: 3155
Iscritto il: 25 mar 2011, 13:39
Località: Fiumicino
Ha ringraziato: 93 volte
Stato ringraziato: 183 volte
Contributo: n/a
Bonus: 329

Re: I Colori Antichi

Messaggioda Marco Fenocchio » 05 ago 2011, 10:50

Perchè lo trovi estenuante? Aspetta il resto, è di una pignoleria nello spiegare tutto... Però non prendere troppo alla lettera tutte le sequenze delle tinte per la carnagione, Bouvier stesso più avanti, spiega che si tratta di una descrizione teorica esagerata, che il pittore in pratica riduce e riassume con molte meno tinte.
Marco Fenocchio
Utente Veterano
Utente Veterano
 
Messaggi: 369
Iscritto il: 10 lug 2011, 18:09
Ha ringraziato: 29 volte
Stato ringraziato: 31 volte
Contributo: n/a
Bonus: 8

Re: I Colori Antichi

Messaggioda sasadangelo » 05 ago 2011, 13:46

Non ci sono ancora arrivato.
Due sere fa ho letto le prime 100 pagine.
Salvatore
http://www.disegnoepittura.it
Amministratore del Forum

Quelli che s’innamorano della pratica senza la scienza,
sono come i nocchieri che entrano in naviglio senza timone o bussola,
che mai hanno certezza dove si vadano. Leonardo da Vinci.
Avatar utente
sasadangelo
Leggenda del Forum
Leggenda del Forum
 
Messaggi: 3155
Iscritto il: 25 mar 2011, 13:39
Località: Fiumicino
Ha ringraziato: 93 volte
Stato ringraziato: 183 volte
Contributo: n/a
Bonus: 329

Re: I Colori Antichi

Messaggioda Marco Fenocchio » 23 set 2011, 18:40

Dovrebbe essere un'ocra gialla scura, con una tinta giallo-bruna calda non molto trasparente come la terra siena nat. In genere, le ocre gialle di varie tonalità, chiare, scure, più ranciate o verdastre, tradizionalmente arrivano da giacimenti di Idrossidi di Ferro più o meno argillosi e dai colori caratteristici della località di provenienza. Quindi, le ocre o terre gialle scure sono: la Romana, l'ocra d'Italia, quella di Montagna, ecc. Queste distinzioni avevano un senso in passato quando molti pigmenti erano di origine naturale convenientemente depurati. Ma oggi cosa esce dai tubetti che compriamo? Surrogati artificiali, in massima parte. Basta che funzionino. Attribuire, oggi, ad un determinato colore le caratteristiche che avrebbe avuto in passato, può indurre in errore. Per esempio; il nero Avorio, è da ingenui credere che sia avorio carbonizzato, come un tempo. Era un nero di tinta calda non molto adatto a fare grigi azzurri, i quali erano invece fatti col nero di vite o di sughero, che non ci sono più.
Marco Fenocchio
Utente Veterano
Utente Veterano
 
Messaggi: 369
Iscritto il: 10 lug 2011, 18:09
Ha ringraziato: 29 volte
Stato ringraziato: 31 volte
Contributo: n/a
Bonus: 8

Prossimo

Torna a Teoria dei Colori - Mescolare i Colori

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite