Francesco Hayez, Ritratto delle signore Carolina Grassi

Questo è il forum dedicato al tema del Ritratto indipendentemente dal medium utilizzato (acrilico, olio, acquarello, tempera, ecc.).

Re: Francesco Hayez, Ritratto delle signore Carolina Grassi

Messaggioda Pinturicchio » 12 giu 2011, 14:23

DSCN0747.jpg
DSCN0747.jpg (33.26 KiB) Osservato 3276 volte
DSCN0748.jpg
DSCN0748.jpg (35.97 KiB) Osservato 3276 volte
DSCN0749.jpg
DSCN0749.jpg (35.14 KiB) Osservato 3276 volte
x Grigio, mi fa piacere che ti piaccia la competizione. Allora continua a seguirci nella sfida !

x Salvatore: non ho dormito tutta notte ! Ho dovuto ristamparmi i "cartoni" evidenziando alcune zone a penna rossa. Ho preso delle misure con il centimentro alla mano e questi sono i risultati:

- la tela originale del quadro del Maestro è di cm 49 x 63,5
- la tela da me utilizzata, evitando il fuori misura, è di cm 50 x 70

per cui io per evitare ulteriori problemi e al fine di avere l'esatta grandezzza dell'originale in quanto ho pensato che in qualità di principiante avrei potuto avere ulteriori problemi di disegno con una scala diversa, non ho fatto altro che centrare la misura originale sulla mia disponibile ben conscio del fatto di allargare un pò il bordo in alto e in basso per la differenza in alto di cm 2,5 e in basso di 4 centimentri cercando di fantasia di prolungare un pò le vesti che d'altronde essendo scure e non particolarmente difficili da riprodurre nelle pieghe non mi avrebbe determinato grossissimi problemi.

Stabilito per certo questo assioma veniamo al dunque:

dalle misure centimetro alla mano è risultato:

per la sorella "castana" le misure del volto in verticale dall'attaccatura dei capelli alla base del mento, l'originale cm 11,1, la mia cm 11,5 per cui il contorno del mento, per le pennellate successive ad allargarmi ho reso il volto più lungo di quello che dovrebbe essere. La misura orizzontale del viso da attaccattura ad attaccatura dei boccoli, l'originale e il mio esattamente cm 7. Il naso stessa lunghezza e gli occhi in orizzontale stessa dimensione.

In merito all'altra sorella "bruna" le misure del volto in verticale dall'attaccatura dei capelli alla base del mento, l'originale cm cm 11, la mia cm 10,7 per cui dovrei far scendere di millimetri 3 la linea del mento più in basso. La misura orizzontale del viso da attaccattura dei boccoli al contorno termine viso all'altezzza dello zigono, l'originale cm 6,8 la mia cm 7,4 per cui dovrei affettare il viso sul lato destro e sagomando meglio lo zigomo stesso. Il naso stessa lunghezza. Purtroppo invece per gli occhi la distanza da termine occhio sinistro a termine occhio destro l'originale cm 5, la mia cm 5,6 per cui dovrei rivedere gli occhi per intero cercando di farli un pò più piccoli.

In merito alla gobba della "bruna hai perfettamente ragione, dovrò un attimino sagomarla meglio in quanto sono traabordato con il pennello e così appena appena i toupè e i capelli. Così come in contorno mento della "bruna" dovrò cercare di rendere la rotondità del termine viso verso la gola cercando di rendere meno netto lo stacco.

In merito al braccio e alla mano e al guanto dell'altra sorella, seguendo, purtroppo solo adesso, queste ulteriori mie indicazioni, il disegno dovrebbe tornarti.

I visi nell'originale sembrano più lunghi, probabilmente per il modellato dato con i colori e questo lo riconosco è una mia pecca al momento di difficile risoluzione.

Volevo aggiungere che ho avuto anche l'opportunità di visionare l'originale in mostra a Padova "Da Canova a Modigliani" e fa un certo senso sapere che da principiante stai cercando di ottenere lo stesso effetto, non di certo nel tipo di pennellata, ma come visione d'insieme.

Attendo tuoi ulteriori commenti di aiuto e grazie come sempre per la collaborazione che mi stai dimostrando. ;) ;) ;)
Umberto
Si può essere felici solo se si è pittori
Joaquín Sorolla
Pinturicchio
Utente Veterano
Utente Veterano
 
Messaggi: 664
Iscritto il: 09 apr 2011, 13:15
Ha ringraziato: 3 volte
Stato ringraziato: 17 volte
Contributo: n/a
Bonus: 0

Re: Francesco Hayez, Ritratto delle signore Carolina Grassi

Messaggioda walter.cozzoli » 12 giu 2011, 14:58

Ciao Pinturicchio
io non ho le capacità didattiche di Salvatore.Per me la prima ocsa che devi correggere sono gli occhi della signora di sinistra, sono troppo grandi. Lo sai che quando ho fatto il Bacco di Caravaggio, il volto alla fine l'ho cancellato completamente e rifatto di sana pianta?. Lo so che ci vuole coraggio , ma era l'unica cosa da fare. Auguri
Avatar utente
walter.cozzoli
Lord del Forum
Lord del Forum
 
Messaggi: 1719
Iscritto il: 08 apr 2011, 07:42
Ha ringraziato: 11 volte
Stato ringraziato: 103 volte
Contributo: n/a
Bonus: 182

Re: Francesco Hayez, Ritratto delle signore Carolina Grassi

Messaggioda MELO artistapercaso » 12 giu 2011, 16:30

Walter: hai perfettamente ragione, ma considera che Pinturicchio non è ancora al tuo livello,e per decisioni drastiche ci vuole consapevolezza delle proprie capacità.Era evidente fin dai primi step che questo lavoro aveva delle imperfezioni di base e salvatore le ha ripetutamente evidenziate,tuttavia come prima esercitazione io non lo trovo per niente male.Nessuno ha mai fatto il suo capolavoro a primo colpo.Su come proseguire a questo punto tutte le scuole di pensiero sono giuste e sbagliate allo stesso tempo.
MELO artistapercaso
Utente Veterano
Utente Veterano
 
Messaggi: 450
Iscritto il: 04 apr 2011, 11:30
Ha ringraziato: 0 volta
Stato ringraziato: 1 volta
Contributo: n/a
Bonus: 0

Re: Francesco Hayez, Ritratto delle signore Carolina Grassi

Messaggioda MELO artistapercaso » 12 giu 2011, 16:56

il nostro nuovo amico Carmelo ci diceva ieri che dopo tanti anni di pittura non era soddisfatto dei suoi progressi , e sententosi bloccato ha voluto ricercare e capire fin " DA DOVE SI COMINCIA" . A mio avviso si deve cominciare con l'esercitarsi profondamente nel disegno.Vedo invece una tendenza diffusa a sottovalutare questo fondamentale argomento.Non metto assolutamente in dubbio la difficoltà del colorare specialmente nella tecnica del wet/wet o ad impasto ,ma se in partenza si trascura o si scavalca il disegno il colorare diventa solo fine a se stesso.
MELO artistapercaso
Utente Veterano
Utente Veterano
 
Messaggi: 450
Iscritto il: 04 apr 2011, 11:30
Ha ringraziato: 0 volta
Stato ringraziato: 1 volta
Contributo: n/a
Bonus: 0

Re: Francesco Hayez, Ritratto delle signore Carolina Grassi

Messaggioda sasadangelo » 12 giu 2011, 20:03

Ciao a tutti,
sono contento che la discussione continua.
Intanto noto che Pinturicchio ha fatto una buona analisi, già il fatto che l'abbiamo incoraggiato a ricontrollare tutto gli sarà utile.
Poi starà a lui decidere cosa correggere in base all'ultima analisi da lui fatta.
Per la donna di destra comincia da altezza/larghezza volto. Poi gli occhi. Guardando il confronto forse la bocca potrebbe andare. Il naso è ok.

Per la donna di sinistra stesso discorso ... hai già controllato altezza/larghezza volta applica le modifiche necessarie se te la senti.
Come dice walter è l'occhio quello che stona di più. Tendi a farli come mandorle. Riguarda la lezione sul disegno degli occhi sul blog.

Mi ricredo sulla forma del petto.

Come dice Melo, il disegno è fondamentale sbagliando quello te lo porti avanti per tutto il dipinto.
Ripeto fai le modifiche che ti senti di fare e vediamo i risultati.

Poi procediamo al chiaroscuro e vediamo se si può fare qualcosa, come dicevo sono disposto a spiegare come procedere con delle immagini gimp.
Salvatore
http://www.disegnoepittura.it
Amministratore del Forum

Quelli che s’innamorano della pratica senza la scienza,
sono come i nocchieri che entrano in naviglio senza timone o bussola,
che mai hanno certezza dove si vadano. Leonardo da Vinci.
Avatar utente
sasadangelo
Leggenda del Forum
Leggenda del Forum
 
Messaggi: 3155
Iscritto il: 25 mar 2011, 13:39
Località: Fiumicino
Ha ringraziato: 93 volte
Stato ringraziato: 183 volte
Contributo: n/a
Bonus: 329

Re: Francesco Hayez, Ritratto delle signore Carolina Grassi

Messaggioda Pinturicchio » 12 giu 2011, 21:43

x Walter: ho ammirato tantissimo il tuo "Bacco" che ho trovato molto verosomigliante all'originale. Mi piacerebbe tantissimo almeno avvicinarmi alla tua tecnica che apprezzo molto. Hai ragione effettivamente gli occhi della "bruna" dovrò rivederli in quanto disegnati troppo grandi rispetto all'originale. Grazie

x Melo: ho in cornice un quadretto da me realizzato con una rosa in un bicchiere con diversi tipi di pennellate per rendere i piani del tavolo, l'acqua nel bicchiere, i petali della rosa e quando lo guardo è di un semplicità e freschezza che a me piace. Purtroppo in questo lavoro mi sono dovuto misurare con un impresa più grande di me, ma mi sta servendo notevolmente per crescere in quanto sto capendo a poco a poco come rendere il drappeggio, i capelli, l'incarnato, etc e ciò grazie sopratutto ai vostri contributi e all'enorme impegno che si è preso Salvatore. Grazie Melo

x Sasà: ti chiedo scusa se ho rimesso in gioco le posizioni da te indicate del braccio e della mano, ma guardando il dipinto e il cartone non mi sembrava possibile di averlo disegnato così in alto. Spero che tu mi abbia capito. Per le altre tue osservazioni le trovo giustissime e ci sto lavorando su. Io preferisco che mi segnaliate con la biro rossa tutte le inesattezze in quanto per me sono di aiuto e stimolo per poter procedere oltre e d'altronde il "ma si . . .va bene" non mi sembra nel mio caso di grande aiuto. Per quanto riguarda gli occhi hai perfettamente ragione in quanto per la fretta di terminare la seduta ci passo e ripasso e alla fine si cincischiano. Dovrei fare più attenzione e usare più calma rispettando i tempi tra una lavorazione e l'altra perchè è come se passassi al termine della seduta ad un wet to wet. Grazie Salvatore per i tuoi notevoli contributi e a presto !

p.s. mi picerebbe anche un eventuale contributo di Wer. Grazie
Umberto
Si può essere felici solo se si è pittori
Joaquín Sorolla
Pinturicchio
Utente Veterano
Utente Veterano
 
Messaggi: 664
Iscritto il: 09 apr 2011, 13:15
Ha ringraziato: 3 volte
Stato ringraziato: 17 volte
Contributo: n/a
Bonus: 0

Re: Francesco Hayez, Ritratto delle signore Carolina Grassi

Messaggioda sasadangelo » 13 giu 2011, 09:32

ti chiedo scusa se ho rimesso in gioco le posizioni da te indicate del braccio e della mano, ma guardando il dipinto e il cartone non mi sembrava possibile di averlo disegnato così in alto. Spero che tu mi abbia capito. Per le altre tue osservazioni le trovo giustissime e ci sto lavorando su.


Fai benissimo, "chi poco dubita poco acquista" diceva un pittore.

Io ho preso le due foto, non ho fatto modifiche di aspect ratio (se modificavo altezza facevo attenzione di modificare in larghezza in proporzione, gimp te lo fa fare). Ho centrato gli occhi, non capisco perchè gli errori di mano e bracci rilevati da me al riscontro non sono stati giudicati effettivi. Proverò a rifarli, forse mi sono perso qualcosa. Cmq, meglio così per te ... meno modifiche da fare.

Per quanto riguarda gli occhi hai perfettamente ragione in quanto per la fretta di terminare la seduta ci passo e ripasso e alla fine si cincischiano.


Ecco hai centrato il problema. Anche nel mio modo vecchio di lavorare avevo questo problema. Nel tuo caso ci sono così tante cose da fare che si dedica poi poco tempo alle varie cose. Ad ogni sessione, invece, poniti come obiettivo di lavorare solo su un pezoo, che ne so il volto della donna a destra, un drappeggio e così via.

Dovrei fare più attenzione e usare più calma rispettando i tempi tra una lavorazione e l'altra perchè è come se passassi al termine della seduta ad un wet to wet. G


Più che essere calmo tra una sessione e l'altra dove, secondo me, dovresti prevedere degli step senza cavalletto e pennello per analizzare cosa hai fatto e come migliorarlo, dovresti prenderti la calma all'interno della sessione.

Lavoro x me:
1. provo a rivedere quelle proporzioni più per me che per te. Se commetto degli errori in questa fase voglio capirli per evitare di dare false info ai lettori.
2. Preparazione del chiaroscuro del volto a destra.

Lavoro x te:
1. Prendi gimp, carica la foto originale, ingrandisci al 400%, crea un nuovo livello con bassa opacità e copia i contorni occhi delle due donne.
Qui spiego come fare:
http://www.disegnoepittura.it/tutorial/ ... -gimp.html

studia bene la forma. Notera che non sono affatto come mandorle.
Salvatore
http://www.disegnoepittura.it
Amministratore del Forum

Quelli che s’innamorano della pratica senza la scienza,
sono come i nocchieri che entrano in naviglio senza timone o bussola,
che mai hanno certezza dove si vadano. Leonardo da Vinci.
Avatar utente
sasadangelo
Leggenda del Forum
Leggenda del Forum
 
Messaggi: 3155
Iscritto il: 25 mar 2011, 13:39
Località: Fiumicino
Ha ringraziato: 93 volte
Stato ringraziato: 183 volte
Contributo: n/a
Bonus: 329

Re: Francesco Hayez, Ritratto delle signore Carolina Grassi

Messaggioda sasadangelo » 16 giu 2011, 16:23

Pinturicchio,
non mi sono dimenticato di te!!!
Salvatore
http://www.disegnoepittura.it
Amministratore del Forum

Quelli che s’innamorano della pratica senza la scienza,
sono come i nocchieri che entrano in naviglio senza timone o bussola,
che mai hanno certezza dove si vadano. Leonardo da Vinci.
Avatar utente
sasadangelo
Leggenda del Forum
Leggenda del Forum
 
Messaggi: 3155
Iscritto il: 25 mar 2011, 13:39
Località: Fiumicino
Ha ringraziato: 93 volte
Stato ringraziato: 183 volte
Contributo: n/a
Bonus: 329

Re: Francesco Hayez, Ritratto delle signore Carolina Grassi

Messaggioda Pinturicchio » 16 giu 2011, 22:45

Ciao Sasà, ti leggo quotidianamente e ho appena provato per i disegni a carboncino la lacca per capelli suggerita da Ricuccio. La trovo fantastica. Sto lavorando al tessuto del braccio della sorella bruna. Ho notato che la larghezza dei visi riguarda la parte bassa sopratutto della castana, dalle labbra al mento dovrò riprofilare il contorno per allungarle il viso. Per la bruna basterà scontornaarle un pò lo zigomo e riprofilarle il lato destro del volto. Speriamo che me la cavo. Resto in contatto. Grazie Salvatore e buoan notte a tutti gli artisti.
Umberto
Si può essere felici solo se si è pittori
Joaquín Sorolla
Pinturicchio
Utente Veterano
Utente Veterano
 
Messaggi: 664
Iscritto il: 09 apr 2011, 13:15
Ha ringraziato: 3 volte
Stato ringraziato: 17 volte
Contributo: n/a
Bonus: 0

Re: Francesco Hayez, Ritratto delle signore Carolina Grassi

Messaggioda sasadangelo » 30 giu 2011, 18:42

Ciao Pinturicchio,
provo a darti qualche dritta descrivendo come procedo io. Aggiungo anche le varianti di Sanden.

Tipicamente, preparo 5 miscele di colori. In ordine di cerchietti:
hanez.JPG
hanez.JPG (18.4 KiB) Osservato 3236 volte


1. Highlight. E' il colore più chiaro. Va applicato dopo la fase di sfumatura dei piani. Puoi aggiungere al color carne (colore), bianco ocra e rosso con molto più bianco e poi un tocco impercettibile di verde complementare.

Dopo aver studiato Sanden sto valutando anche la possibilità di avere una versione color carne base più chiara. Attenzione non aggiungere solo il bianco altrimenti il dipinto viene gessato, fai una versione del colore slo più chiara. Sanden non usa il blu. Non ho ancora deciso quale sarà la mia scelta definitiva. Per ora è la prima.

2. Il color carne base è bianco titanio, ocra gialla e rosso cadmio e un tocco minuscolo di blu.

3. Poi c'è il color carne per le aree rosate. Il cerchietto più a destra. Aggiungi al colore base più giallo, ocra, tocco blu e rosso. Deve essere un colore appena più scuro mapiù rosato.

4. Fai un color ombra con terra di siena bruciata e viridian. Ma puoi sperimentare con terra d'ombra bruciata e un verde tipo viridian. Sanden usa due colori d'ombra uno più scuro. Il più scuro per le aree più scure. Scegli te.

5. Dove luce e ombra si incontrano tipicamente ci sono le aree a massima saturazione (cioè c'è più rosso). Fai un mezzotono aggiungendo al colore 3 più rosso e viridian per spegnerlo. Questo è un mezzo tono caldo. Sanden ne usa uno anche per i piani che recedono. Io non lo preparo mai ma lo faccio al momento.

6.Io poi uso anche un mezzotono tra colore base e ombra ma non lo premescolo, lo preparo al momento.

E' importante che questi colori non li usi così come l'hai mescolato. Pensaci bene se così fosse tutti i tuoi ritratti sarebbero uguali. Anche Sanden li usa come punti di partenza.

Ogni volta che devi imitare la tinte della pelle in luce, ombra, mezzotono ecc. ragiona in termini di hue, tono e saturazione. Non spendere troppo a ragionare, usa molto l'intuito. Non è importante fare colori precisi è importante che si relazionino bene. Se la differenza tra luce e ombra è 3 toni tu rispetta i 3 toni se poi i due colori sono più chiari non fa nulla. Non so se rendo l'idea.

Supponiamo tu debba ottenere il colore in luce. Parti dal color carne (ossia il colore che più si avvicina) e lo confronti con esso (usa un cartoncino nero con buco per isolare il colore). Chiediti come è lo hue del colore rispetto al mio. Se è più caldo raffredda il tuo colore con giallo ocra, altrimenti riscaldalo con rosso ossia i colori che hai usato per mescolarlo. La saturazione la puoi regolare in due modi. Uno è pre mescolare i grigi come fa Sanden, l'altro è aggiungere il complementare per per i color carne sono dei blu verdi. Questo metodo, però ti altererà anche il tono. Per scurire il color carne usa il color ombra e viceversa.

Come dipingere le aree?

Immagina il volto come una figura geometrica con piani facciali (vedi sopra). Se non sai come fare leggi qua:
http://www.disegnoepittura.it/ritratto/ ... ratto.html

Fallo a mente non c'è bisogno di essere preciso. Riempi i colori dei piani ma non sfumare. Quando hai applicato tutti i colori sfumi. Come ho fatto in questo tutorial.
http://www.disegnoepittura.it/pittura/p ... -base.html

Ora sfuma tutto. L'operazione di sfumatura ti farà perdere le luci e gli scuri che dovrai ripristinare. Alla fine applichi i massimi scuri e gli highlight.

Per gli highlight usa il metodomake it, break it and make it again. Funziona na bellezza.
Leggi qua come si fa.
http://www.disegnoepittura.it/tutorial/ ... -mela.html
Salvatore
http://www.disegnoepittura.it
Amministratore del Forum

Quelli che s’innamorano della pratica senza la scienza,
sono come i nocchieri che entrano in naviglio senza timone o bussola,
che mai hanno certezza dove si vadano. Leonardo da Vinci.
Avatar utente
sasadangelo
Leggenda del Forum
Leggenda del Forum
 
Messaggi: 3155
Iscritto il: 25 mar 2011, 13:39
Località: Fiumicino
Ha ringraziato: 93 volte
Stato ringraziato: 183 volte
Contributo: n/a
Bonus: 329

PrecedenteProssimo

Torna a Il Ritratto e la Figura Umana

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron